Primo su Google

Diritto All’Oblio

Cosa è il diritto all’oblio?

Il diritto all’oblio è un concetto giuridico che riconosce il diritto di un individuo di chiedere la rimozione di informazioni personali che sono inappropriate, non pertinenti, non accurate o non più rilevanti, o che potrebbero danneggiare la reputazione della persona.

Il diritto all’oblio è stato riconosciuto in Europa dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea nel 2014, nella sentenza Google Spain SL, Google Inc. v Agencia Española de Protección de Datos (AEPD) e Mario Costeja González. In questa sentenza, la Corte ha stabilito che i motori di ricerca come Google sono responsabili dei risultati della ricerca che forniscono e che le persone hanno il diritto di chiedere la rimozione dei risultati della ricerca che violano il loro diritto alla protezione dei dati personali.

Il diritto all’oblio si applica solo alle informazioni personali e non si estende ai fatti di interesse pubblico o alla libertà di espressione. Tuttavia, le persone possono chiedere la rimozione di informazioni personali che sono state pubblicate senza il loro consenso o che potrebbero essere dannose per la loro reputazione.

Il diritto all’oblio è stato ampiamente discusso in relazione all’uso di Internet e ai motori di ricerca, ma è anche rilevante in altri contesti, come la rimozione di informazioni personali da archivi pubblici o da database privati.

Google diritto all’oblio

Google ha implementato un processo per gestire le richieste di rimozione dei risultati della ricerca in base al diritto all’oblio previsto dalla sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 2014 (Google Spain SL, Google Inc. v Agencia Española de Protección de Datos (AEPD) e Mario Costeja González).

Le persone possono presentare una richiesta di rimozione di un risultato della ricerca utilizzando il modulo di richiesta del diritto all’oblio di Google. Nella richiesta, devono fornire informazioni personali, come il proprio nome e indirizzo, e indicare il risultato della ricerca che desiderano far rimuovere.

Google valuterà la richiesta in base a diversi fattori, come l’accuratezza delle informazioni, il contesto in cui sono state pubblicate e il loro interesse pubblico. Se Google decide di rimuovere il risultato della ricerca, verrà rimosso solo dai risultati della ricerca di Google per gli utenti che effettuano la ricerca dall’Unione Europea. Il risultato della ricerca rimarrà visibile per gli utenti che effettuano la ricerca da altre parti del mondo.

È importante notare che Google non è obbligata a rimuovere i risultati della ricerca in base al diritto all’oblio e che questa è solo una opzione disponibile per le persone che vogliono far rimuovere determinate informazioni personali dai risultati della ricerca di Google.

Facebook diritto all’oblio

Facebook, come Instagram, non è soggetta alla sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 2014 che ha riconosciuto il diritto all’oblio per i motori di ricerca, come Google. Tuttavia, Facebook offre agli utenti la possibilità di richiedere la rimozione di determinate informazioni personali dal suo social network.

Gli utenti possono presentare una richiesta di rimozione utilizzando il modulo di richiesta di rimozione di Facebook. Nella richiesta, devono fornire informazioni personali, come il proprio nome e indirizzo, e indicare le informazioni che desiderano far rimuovere.

Facebook valuterà la richiesta in base a diversi fattori, come l’accuratezza delle informazioni e il contesto in cui sono state pubblicate. Se Facebook decide di rimuovere le informazioni, verranno eliminate dal profilo dell’utente e non saranno più visibili agli altri utenti.

È importante notare che Facebook non è obbligata a rimuovere le informazioni in base al diritto all’oblio e che questa è solo una opzione disponibile per gli utenti che vogliono far rimuovere determinate informazioni personali dal loro profilo o dal social network

Chi può beneficiare del diritto all’oblio?

Le persone che risiedono nell’Unione Europea possono beneficiare del diritto all’oblio e richiedere la rimozione dei risultati della ricerca che violano il loro diritto alla protezione dei dati personali. Tuttavia, è importante notare che il diritto all’oblio si applica solo alle informazioni personali e non si estende ai fatti di interesse pubblico o alla libertà di espressione.

(opzionale)
Vi preghiamo di comunicarci quali sono le Vostre esigenze e il momento migliore per mettersi in contatto con voi telefonicamente.

Articoli Simili

Presenza su Google

Contenuti Presenza su Google principale strumento di comunicazione Presenza su...

CHIAMA ORA
WHATSAPP